• the dam before the tragedy - archive photo (courtesy fondazione vajont)
  • the vajont dam/line - photo giacomo de donà
  • nuovo spazio di casso and the landslide - photo giacomo de donà
  • the dam framed - photo giacomo de donà

On Sunday, March the 14th, National Landscape DayMibact announced the names of the winning project, as well as those having received a special mention, in the context of the National Landscape Award/European Council Landscape Award.

A special mention was awarded to the International Artistic Contest Two Calls for Vajont, created and devloped by Dolomiti Contemporanee on the Vajont Dam and the Nuovo Spazio di Casso since 2014.
The mention goes to the Erto e Casso Municipality, who sponsors Two Call‘s first phase.

In 2020, with Two Calls_restart, it was relaunched.

Its participation to the Award is consistent with the drive behind the projects curated by DC that, ever since 20111, has been devloping a comprehensive reflection in the field of regeneration and care of both Landscape and Heritage, through the tools of contemporary art, innovation culture, good practices and invested networks, keeping at the core of its practice a re-innovative and regenerative vision of the territory and of praxis themselves.

The 2020/2021 edition of the Award

The Commission established by the Ministry, chaired by Federica Galloni, General Director ABAP of MiBACT is comprised of individuals known for their efforts in the field of culture and landscape: Rocco Rosario Tramutola, Giorgio Andrian, Roberto Banchini, Giuseppe Barbera, Anna Lambertini, Lionella Scazzosi, Angioletta Voghera e Antonio Angelillo.

The participating projects were ninety-six.

In light of the activities put into action, in regard to the objectives reached in the re-development of locations through the promotion of all the historic and cultural, tangible and intangible, components which characterise them, and considering the results obtained in terms of sustainable economic development, as well as cultural and civic growth of local communities.

The winning project was “Biodiversity in the city: Bergamo’s Val d’Astino”

10 other projects have received a Special Mention, among which is Two Calls.

This was the motivation given by Mibact:

The Commissions established for the evaluation of the projects for the selection of the Italian nomination for the European Council Landscape Award 2020-2021 has unanimously expressed a keen interest in the “Two Calls for Vajont” project, which was deemed worthy in light of its ability to navigate the need to respect the tragedy of the dam and the will to overcome it, expressing great awareness and sensibility while on the path to reinterpretation for the location, as well as its return to contemporaneity.

The European Council Landscape Award

The European Landscape Convention was signed in Florence in the year 2000.
Ever since then, MiBACT has undertaken a series of policies aimed for the safeguard, the preservation and promotion of the Italian landscape.
The European Council Landscape Award, given out every two years, has had its first edition in 2008.
The activity was carried out by the Ministry with the knowledge of the initiative’s

strategic potential, as an important occasion directed at the world of culture, and at all those individuals who operate in the field of land management, for the promotion and divulgation of values linked to the landscape.
Some advisors were then established, and several contacts for the survey of exemplary actions performed on the Italian region were activated, among which the idea of pinpointing a nominated project for Italy.
All projects that are received represent a testimony of exemplary actions realised on the Italian territory through sustainable policies of safeguard, promotion and development. The entirety of these projects constitutes an important data bank for the Ministry, documenting the various forms that landscape culture takes in the Italian context, experimenting diversified approaches and operative courses linked to cultures and local memories.

Dolomiti Contemporanee‘s nomination with Two Calls: project abstract submitted.

Two Calls for Vajont is an International Contest, launched in 2014 by Dolomiti Contemporanee (DC), which will lead to the creation of two contemporary art projects on two locations that are symbols of the Vajont Tragedy: the Dam and the former school of Casso which, ever since 2012, DC has transformed into the “Nuovo Spazio di Casso”, a “Centre for Contemporary Landscape Culture”. The objective was that of sparking action which refused the commemorative logic linked to the tragic event of 1963, interpreting the Vajont as a “space of meaning for the human being”, one in which they might show themselves to be capable, thanks to the re-innovative vision proposed by the contemporary and shared by local cumminuties, aimed to reclaim their land, as well.
During the selection phase (2015), more than 180 art projects have been submitted from all over the world. They rethink the Dam and the former School, making them into symbols of a rebirth possible for a land that shows promiment historic and landscape values.
Dozens of public and private partners have been involved, sponsoring the initiative (among them: the Environment Ministry, Dolomiti Unesco Foundation, Friuli Venezia Giulia Region,  Veneto
Region, Vajont Foundation, Erto e Casso Municipality, Claut, Cimolais, Vajont, Longarone, Belluno, Bim Piave Association, National Order of Landscape Architects and Conservationists, Enel, Acqua Dolomia, NeonlauroMart Rovereto, Merz Torino Foundation, Institut Francais, F. Bevilacqua La Masa).
The Contest Jury includes world renowned artists and intellectuals, together with representatives of the territory. Among them: Marc Augè, Alfredo Jaar, Cristiana Collu, Angela Vettese, Marcella Morandini.
The Landscape, human, social and even economic of the Vajont cannot overlap with the idea of a “landscape of tragedy”.
Art and culture have value if they provide identity, in particular to territories encumbered by significant issues and to their inhabitants, to guarantee a sustainable and future-oriented life perspective  for them, through the processing of a memory both aware and reactive.

It isn’t the first time that DC was given a special mention in the Landscape award.
In 2017, we have been awarded a special mention for Progettoborca, the platform regenerating the former Eni Village of Corte.
There is one landscape, a diversified one.
The spaces’ interconnection inside a unified and coherent and re-innovative vision: this is what is needed.

Domenica 14 marzo 2021, Giornata Nazionale del Paesaggio, il Mibact ha reso noti i nomi dei progetti vincitore e menzionati all’interno del bando del Premio Nazionale del Paesaggio/Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa.

E’ stata conferita una menzione al Concorso Artistico Internazionale Two Calls for Vajont, ideato e sviluppato da Dolomiti Contemporanee sulla Diga del Vajont e Nuovo Spazio di Casso a partire dal 2014.
La menzione va al Comune di Erto e Casso, che patrocina la prima fase di Two Calls.

Nel 2020, con Two Calls_restart, esso è stato riavviato.

La partecipazione al Premio è coerente con la progettualità di DC, che dal 2011 sviluppa una riflessione articolata nell’ambito della rigenerazione e cura di Paesaggio e Patrimonio, attraverso gli strumenti dell’arte contemporanea, della cultura d’innovazione, delle buone pratiche e delle reti partecipate, tenendo al centro della propria pratica una visione rinnovativa e rigenerativa del territorio e delle prassi stesse.

L’edizione 2020/2021 del Premio.

La Commissione istituita dal Ministero, presieduta da Federica Galloni, Direttore Generale ABAP del MiBACT è composta da personalità note per il loro impegno nel settore della cultura e del paesaggio: Rocco Rosario Tramutola, Giorgio Andrian, Roberto Banchini, Giuseppe Barbera, Anna Lambertini, Lionella Scazzosi, Angioletta Voghera e Antonio Angelillo.

Novantasei i progetti partecipanti.

Sulla base delle azioni messe in campo, con riguardo agli obiettivi raggiunti per la riqualificazione dei luoghi attraverso la valorizzazione di tutte le componenti storico-culturali materiali e immateriali che li caratterizzano ed in considerazione dei risultati ottenuti in termini di sviluppo economico sostenibile e di crescita civile e culturale delle comunità locali.

Il progetto vincitore è risultato “La biodiversità dentro la città: la Val d’Astino di Bergamo”.

Altri 10 progetti hanno ricevuto Menzione, tra questi vi è Two Calls.

Questa la motivazione del Mibact:

La Commissione istituita per la valutazione dei progetti per la selezione della candidatura italiana al Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa 2020-2021 all’unanimità ha manifestato un vivo interesse per il progetto “Two Calls for Vajont”, ritenuto meritevole per la capacità del progetto di muoversi tra il rispetto della tragedia della diga e la volontà di superarla, esprimendo grande consapevolezza e sensibilità nel percorso di rilettura del luogo e nella sua restituzione alla contemporaneità.

Il Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa.

La Convenzione Europea del Paesaggio è stata sottoscritta a Firenze nel 2000.
Da allora, il MiBACT ha intrapreso una serie di politiche per la tutela, la salvaguardia e la
valorizzazione del paesaggio italiano.
Il Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa, a cadenza biennale, ha visto la sua prima
 edizione nel 2008.
L’attività è stata svolta dal Ministero nella consapevolezza delle potenzialità strategiche
dell’iniziativa, in quanto importante occasione, rivolta al mondo della cultura e a tutti i soggetti che operano nel settore della gestione del territorio, per la promozione e la divulgazione dei valori legati al paesaggio.
Sono dunque stati individuati degli advisors e sono stati attivati numerosi contatti per la ricognizione di azioni esemplari svolte nel territorio italiano, tra le quali individuare il progetto candidato per l’Italia.
Tutti i progetti pervenuti costituiscono la testimonianze di azioni esemplari realizzate nel territorio italiano attraverso politiche sostenibili di tutale, valorizzazione e sviluppo. L’insieme di questi progetti costituisce una importante banca dati del Ministero 
che documenta le varie forme in cui la cultura del paesaggio si esprime nel territorio italiano, sperimentando approcci diversificati e percorsi operativi legate alle culture e memorie locali.

La candidatura di Dolomiti Contemporanee con Two Calls: abstract del progetto inviato.

Two Calls for Vajont è un Concorso Internazionale, lanciato nel 2014 da Dolomiti Contemporanee (DC), che condurrà alla realizzazione di due opere d’arte contemporanea su due luoghi-simbolo della Tragedia del Vajont: La Diga e le ex Scuole di Casso, che dal 2012 DC ha trasformato nel “Nuovo Spazio di Casso”, un “Centro per la Cultura Contemporanea del Paesaggio”. L’obiettivo è quello di innescare un’azione che rifiuti la logica commemorativa legata al tragico evento del ’63, intendendo il Vajont come uno “spazio del senso per l’uomo”, in cui egli si mostri capace, anche grazie alla visione rinnovativa proposta dal contemporaneo e condivisa con le comunità, di riscattare la propria terra.
Nella fase di selezione (2015), oltre 180 progetti artistici sono giunti da tutto il mondo. Essi ripensano la Diga e le ex Scuole, facendone i simboli di una rinascita possibile, per un territorio che presenta valori storici e paesaggistici di rilievo.
Decine i partner pubblici e privati coinvolti, che patrocinano l’iniziativa (tra questi, Ministero dell’Ambiente, Fondazione Dolomiti Unesco, Regione Friuli Venezia Giulia, Regione del Veneto, Fondazione Vajont, Comuni di Erto e Casso, Claut, Cimolais, Vajont, Longarone, Belluno, Consorzio Bim Piave, Ordine Nazionale Architetti Paesaggisti e Conservatori, Enel, Acqua Dolomia, NeonlauroMart Rovereto, Fondazione Merz Torino, Institut Francais, F. Bevilacqua La Masa). La Giuria del Concorso include artisti ed intellettuali di fama mondiale, insieme a rappresentanti del territorio. Tra questi, Marc Augè, Alfredo Jaar, Cristiana Collu, Angela Vettese, Marcella Morandini.
Il Paesaggio, umano, sociale e perfino economico, del Vajont, non può esser fatto coincidere con un “paesaggio della tragedia”.
Arte e cultura hanno valore se forniscono identità, in particolare a territori gravati da criticità spinte e ai suoi abitanti, per garantire loro una prospettiva di vita, sostenibile e orientata al futuro, attraverso l’eleborazione di una memoria consapevole e reattiva.

Non è la prima volta che DC si segnala al premio del Paesaggio.
Nel 2017, abbiamo ottenuto una menzione speciale per Progettoborca, la piattaforma che rigenera l’ex Villaggio Eni di Corte.
Il paesaggio è uno, e differenziato.
L’interconnessione degli spazi in una visione unitaria e coerente e rinnovativa: ecco quel che occorre.

Condividi / ShareFacebookGoogle+Twitter

22/04/2014

The international contest twocalls is supported by four important cultural partners:  Bevilacqua La Masa Foundation (Venezia), Mart Museum (Trento and Rovereto), Merz Foundation (Torino), CCC Strozzina (Firenze).

see all the partners of twocalls >>

 

Il concorso internazionale twocalls è sostenuto da quattro importanti partner culturali: Fondazione Bevilacqua La Masa (Venezia), Museo Mart (Trento e Rovereto), Fondazione Merz (Torino), Centro di Cultura Contemporanea Strozzina (Firenze).

[continua a leggere]

27/03/2014

The Twocalls contest is also supported by the Dolomites Unesco Foundation, an organization that deals with the conservation and the enhancement of the Dolomites, world heritage since 2009.
In particular, Marcella Morandini, general secretary of the
Foundation, joined the Jury of the Contest, on behalf the organization.

[continua a leggere]

Alfredo Jaar, well-known chilean-born artist, is now part of the jury of the contest Twocalls.

see all the members of the jury >>

 

Alfredo Jaar, noto artista chileno, è entrato a far parte della giuria del concorso Twocalls.

[continua a leggere]