• the dam before the tragedy - archive photo (courtesy fondazione vajont)
  • the vajont dam/line - photo giacomo de donà
  • nuovo spazio di casso and the landslide - photo giacomo de donà
  • the dam framed - photo giacomo de donà

Venerdì 26 febbraio 2021, ore 10:00-12:00, panel webinar:
Two Calls for Vajont, Concorso Artistico Internazionale: fase _restart.
L’arte pubblica come pratica rigeneratrice per paesaggio e territori.

Venerdì 26 febbraio 2021, ore 10:00-12:00, panel webinar: Two Calls for Vajont, Concorso Artistico Internazionale: fase _restart. L'arte pubblica come pratica rigeneratrice per paesaggio e territori.

Il Concorso Artistico Internazionale Two Calls for Vajont è stato lanciato da Dolomiti Contemporanee nel 2014.

Ora, grazie ad una collaborazione con l’Associazione Culturale ETRAR.T.E. (Rinascita Territoriale Espressiva), con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, il Concorso viene riattivato, ed entra nella fase finale, che dovrà condurre alla realizzazione delle opere vincitrici (90° cw, Andrea Nacciarriti; Remrite/rewrite, Dimitri Giannina).

Venerdì 26 febbraio, DC ed Etrarte propongono il panel: Two Calls for Vajont_restart. L’arte pubblica come pratica rigeneratrice per paesaggio e territori.

Nell’ambito del panel verranno presentati i temi del Concorso, nella cornice di una riflessione più generale sul ruolo e valore dell’arte contemporanea, della cultura d’innovazione e delle visioni rinnovative a favore di paesaggio, patrimonio, territori.

Il panel si svolge sulla piattaforma Zoom, chi è interessato a partecipare può scrivere a info@dolomiticontemporanee.net o etrarte@associazionetrarte.it.
Ai partecipanti verrà fornito un link diretto al collegamento.

L’evento verrà registrato e successivamente reso disponibile sui canali YouTube di Dolomiti Contemporanee e di Etrarte.

Partecipanti al panel:

  • Gianluca d’Incà Levis (ideatore di DC e TwoCalls, direttore dello Spazio di Casso al Vajont)
  • Elena Tammaro (vice-presidente di Associazione Etrarte)
  • Andrea Nacciarriti (artista vincitore dalla call for a line)
  • Dimitri Giannina (artista vincitore della call for a wall)
  • Stefano Cagol (artista finalista della call for a line)
  • Agata Polizzi (storica dell’arte e curatrice)
  • Riccardo Caldura (direttore Accademia Belle Arti di Venezia)

__

L’iniziativa si realizza grazie al finanziamento della Regione Friuli Venezia Giulia concesso ai sensi della Legge regionale 8 luglio 2019, n. 10 (Giornata in ricordo della tragedia del Vajont e del riconoscimento Memoria del Vajont). Manifestazione di interesse per l’anno 2020.

Condividi / ShareFacebookGoogle+Twitter

22/10/2014

The Two Calls for Vajont Contest was launched by Dolomiti Contemporanee last June.
Its intent was to propose a restoring cultural reflection for the Vajont area, to this day profoundly marked by the history of the tragedy.

Two artworks to be made through the Contest, one on the Vajont Dam (line), the other on the southern façade of the Spazio di Casso (wall), which faces the scar left by the landslide of Mt.

[continua a leggere]

14/10/2014

massimo bray, former italian minister of culture, perfectly understood the spirit of the dolomiti contemporanee project. we would like to thank him for his support, ad we’re looking forward to see him here, in these high lands, in our new project sites soon.

[continua a leggere]

17/09/2014

angela vettese, maria centonze and marc augé, members of the jury of twocalls, were in Casso a few days ago, learning more about the context in which the Contest acts.

 

following a text with the considerations by gianluca d’incà levis, curator of dolomiti contemporanee, on the value of the contest and a call to the artists.

[continua a leggere]