• the dam before the tragedy - archive photo (courtesy fondazione vajont)
  • the vajont dam/line - photo giacomo de donà
  • nuovo spazio di casso and the landslide - photo giacomo de donà
  • the dam framed - photo giacomo de donà

The results for the International Artistic Contest Two Calls for Vajont, hereby presented, are the outcome of a crossing of the short lists supplied by the jury members, subsequently examined by the Dolomiti Contemporanee’s Inner Committee.
Several jurors proposed some ideas on the ery structure and objectives of the Contest itself, and on its next phases (Jaar, Vettese, Basso Fossali). These proposals will be discussed in the coming weeks.

Below, the complete list of the projects mentioned by the jury members, which were, in turn, selected from the nucleus of finalists pre-selected and published online (75 out of 173 we received, 48 for line and 27 for wall):

Artists mentioned for “a call for a line”:
A12
Carlo Alberto Andreasi
Marta Allegri
Michele Bazzana
Stefano Cagol
Simone Cametti
Luca Chiesura
Cozzarini / Tutta
Giulio Crosara
Alessandro Dal Pont
Flavio Favelli
Dimitri Giannina
Le Dantec / Grazioli
Sandra Hauser
Clara Luiselli
Serena Marzari
Moradavaga
Moras / Nan
Andrea Nacciarriti
Tiziana Pers
Silvia Vendramel
Alex Zanella
Virginia Zanetti

Artists mentioned for “a call for a wall”:
Monica Biancardi
Simone Cametti
Alessandro Dal Pont
Dimitri Giannina
Dario Imbò
Kindergarten
Petripaselli
Studio emfa
Maya Zignone

Artists mentioned for the “Special Prize Line”:
Marco Andrighetto
Le Dantec / Grazioli
Clara Luiselli
Pierluigi Slis
Manuel Urrazza
Zanotto / Piantoni

Artists mentioned for “Special Prize Wall”:
Colora
Monica Biancardi
Daniela Di Maro
Isabella Pers


Crossing the original short lists, the following became the  final contenders:

a call for a Line: Nacciarriti, Marzari, Crosara, Giannina, Bazzana, Cozzarini, Zanetti, T. Pers, Favelli, A12, Allegri, Moradavaga, Zanella, Cametti, Hauser, Cagol, Nan/Moras, Vendramel, Dal Pont, Chiesura.
Special prize Line: Urrazza, Zanotto/Piantoni, Andrighetto, Le Dantec, Luiselli, Slis.

a call for a Wall: Cametti, Giannina, Dal Pont, Petripaselli, Pers, Kindergarten, Daniela Di Maro, Colora.
Special prize Wall: Biancardi, I. Pers, Di Maro.

 

The results of the final crossing of the votes are the following:

Winning project for Special Prize DC-Acqua Dolomia-Line: Mahatsanga Le Dantec/Micol Grazioli, with “tra le linee“.

Winning projet for Special Prize DC-Acqua Dolomia-Wall: ex aequo Daniela Di Maro, with “riflessione estatica“, and Monica Biancardi, with “ritratti“.

Winning project for a call for a wall: Dimitri Giannina with “remrite/rewrite“.

Winning project for a call for a line: Andrea Nacciarriti, with “90°cw“.

 

Twocalls continues – a note by gianluca d’incà levis, curator of dolomiti contemporanee, creator of the contest.

A new phase, one of approach to the realisation of the winning artworks, will now begin, involving all the necessary steps from an administrative and technical standpoint, the scheduling and creation of executive “construction sites”, which will require the participation of the project’s main partners (enel, acqua dolomia, neonlauro).

The twocalls contest does not end here.
The twocalls contest was, is, and will continue to be, a mobile platform of cultural and critical action, of observation and responsible interaction, of proposal and re-evaluation, in the Vajont area.

The platform is shared, and acted upon, by the people who, by giving value to the approach and sensibility of the contemporary, believe that it will always be possible, and necessary, to rethink the meaning of things, places, landscapes, to constantly redefine them in the present, nourishing them of past materials and the will to move towards a future that must be built every second, with attention, and care, and passion.

The main function of the twocalls contest hasn’t been to pinpoint the two artworks that will be realised on the vajont dam and on the façade of the spazio di casso.
The main objective, from the start, has been to share a path, to initiate a cultural process which could be able to put human energy back into motion, which would violate the confines of inertia imposed on the people of this land by a terrible and paralysing tragedy, which would declare the will and need not to ever admit the definitive crystallisation, for better or worse, of a human, social, historic landscape, into a single, static image, and, as such, one of death; a sentence, an epitaph.
The
contest is needed, then, to culturally regenerate an atrophic area, bringing inside it thoughts, ideas, performance,  concepts, words and images from those who have the courage to face a place, and a history, that are so dramatic, refusing to consider this a dry land forever.

In regards of this will-need to move the space of the Vajont, dolomiti contemporanee intends to bring twocalls to an ulterior phase, through which the reflective process on this landscape of the crisis, on its humanity, on its present and future will continue to be alimented.

The works indicated in the results shall be realised, and awarded.
But that won’t mark the end of the project’s potential, which will be kept alive by re-processing it.

The contest itself, during the 18 months of its course, has displayed, and increased, its meaning, progressively defining itself, and creating a new image of the vajont.
The
contest has found its nourishment on the reflections, ideas, and shapes of the 180 artists who have taken part in it, and of those who have provided it with their thoughts, work, and words.
The image of the
contest isn’t summarized in the two winning artworks, it doesn’t correspond with them alone, but with the entire mass of the thought and action processes which have developed inside it, and that constitute a text, a printed and open book of pictures, a critical genealogy, an activator of interactive processes, a socio-cultural lab, a corpus that is epistemological and poietic at the same time.

Among the reflections that, in these months, have been put on the table, even inside the jury of the contest, some in particular involve a call for a line.

Some projects (Dal Pont/Nan, Cagol, Giannina, Bazzana, and Pers, Allegri, Vendramel, Hauser as well, like others who have forseen the need for video tools), display formal characteristics and interesting ideative processes, that, however, seem to suggest the possibility of a temporary, non-permanent -and, in some cases, performative- presence, or set-up, on the dam.

The reflection started at this point focuses on the possibility of them entering a program of artwork alternation on the dam, which would allow for the continued nourishment of the twocalls’ “construction site” in the coming years.
This will be possible, first of all, if
dolomiti contemporanee will continue to work on this location.
The idea of a festival of public and performative art (la linea mobile/the moving line), which may continue to have the
dam and the area of the vajont as focus, is what’s beginning to take shape.
The maintenance of the
dam (of its identity: the cultural upkeep), is more important of the definition of a unanbiguous project-object.
Maintenance is a constant practice. The process is more imporatn than the artwork.
Culture is a continuous process, one of opening, and not a definitive assertion.
The
contest itself, as we say, is made up of a cultural platform of reflection on the vajont and on the meaning of the artistic practice, and of the public art, in this absolutely peculiar context.
This reflection, that is now being open, will be shared with all of those who have taken part in the contest, which, as the selected artworks are in the process of being actualised, starts thus to immediately redefine itself, to keep itself alive.

Gli esiti del Concorso Artistico Internazionale Two calls for Vajont, qui presentati, sono il risultato dall’incrocio delle short list fornite dai giurati, visionate dal Comitato di selezione di Dolomiti Contemporanee.
Alcuni giurati hanno avanzato alcune proposte relative alla struttura stessa e agli obiettivi del Concorso e alle sue prossime sue fasi (Jaar, Vettese, Basso Fossali).
Tali proposte verranno discusse nelle prossime settimane.

Qui di seguito la lista integrale dei progetti nominati dai giurati, che sono partiti dal nucleo di progetti preselezionati dal Comitato interno del Concorso e quindi pubblicati on-line (75 sui 173 pervenuti, 48 per line, 27 per wall):

Artisti nominati a call for a line:
A12
Carlo Alberto Andreasi
Marta Allegri
Michele Bazzana
Stefano Cagol
Simone Cametti
Luca Chiesura
Cozzarini / Tutta
Giulio Crosara
Alessandro Dal Pont
Flavio Favelli
Dimitri Giannina
Le Dantec / Grazioli
Sandra Hauser
Clara Luiselli
Serena Marzari
Moradavaga
Moras / Nan
Andrea Nacciarriti
Tiziana Pers
Silvia Vendramel
Alex Zanella
Virginia Zanetti

Artisti nominati a call for a wall:
Monica Biancardi
Simone Cametti
Alessandro Dal Pont
Dimitri Giannina
Dario Imbo
Kindergarten
Petripaselli
Studio emfa
Maya Zignone

Artisti nominati Premio Speciale Line:
Marco Andrighetto
Le Dantec / Grazioli
Clara Luiselli
Pierluigi Slis
Manuel Urrazza
Zanotto / Piantoni

Artisti nominati Premio Speciale Wall:
Colora
Monica Biancardi
Daniela Di Maro
Isabella Pers

 

Incrociando le short list, si è giunti ad individuare queste due rose di progetti finalisti:

Line: Nacciarriti, Marzari, Crosara, Giannina, Bazzana, Cozzarini, Zanetti, T. Pers, Favelli, A12, Allegri, Moradavaga, Zanella, Cametti, Hauser, Cagol, Nan/Moras, Vendramel, Dal Pont, Chiesura.
Premio speciale Line: Urrazza, Zanotto/Piantoni, Andrighetto, Le Dantec, Luiselli, Slis.

Wall: Cametti, Giannina, Dal Pont, Petripaselli, Pers, Kindergarten, Daniela Di Maro, Colora.
premio speciale Wall: Biancardi, I. Pers, Di Maro.

 

I risultati dell’incrocio delle votazioni sono i seguenti:

Progetto vincitore Premio Speciale DC-Acqua Dolomia-line: Mahatsanga Le Dantec/Micol Grazioli, con “tra le linee“.

Progetto vincitore Premio Speciale DC-Acqua Dolomia-wall: ex aequo Daniela Di Maro, con “riflessione estatica“, e Monica Biancardi, con “ritratti“.

Progetto vincitore a call for a wall: Dimitri Giannina con “remrite/rewrite“.

Progetto vincitore a call for a line: Andrea Nacciarriti, con “90°cw“.

 

prosequio di twocalls – nota di gianluca d’incà levis, curatore di dolomiti contemporanee, ideatore del concorso.

inizierà ora la fase di avvicinamento alla realizzazione delle opere vincitrici, con tutte le verifiche ed i passaggi necessari dal punto di vista tecnico-amministrativo, alla calendarizzazione e realizzazione dei cantieri esecutivi, che prevedono la partecipazione dei main-partner del progetto (enel, acqua dolomia, neonlauro).

il concorso two calls non termina qui.
il concorso two calls è consistito, consiste, continuerà a consistere, in una piattaforma mobile di azione culturale critica, di osservazione e interazione responsabile, di proposta e rivalutazione, dell’area del vajont.

la piattaforma è condivisa, ed agita, dalle persone che, attribuendo valore all’approccio e alla sensibilità del contemporaneo, ritengono che sia possibile sempre, e necessario, ripensare al significato di cose, luoghi, paesaggi, per ridefinirli costantemente, nel presente, nutrendoli dei materiali passati e degli stimoli a muovere verso un futuro che deve essere ad ogni istante edificato, con attenzione e cura e slancio.

la funzione principale del concorso twocalls non è stata quella di individuare due opere da realizzare sulla diga del vajont e sulla facciata dello spazio di casso.
l’obiettivo principale, sin dall’inizio, è stato quello di condividere un percorso, di avviare un processo culturale, che sapesse rimettere in circolazione le energie dell’uomo, che violasse il confine d’inerzia imposto all’uomo in questa terra da un lutto gravissimo e paralizzante, che dichiarasse la volontà e la necessità di non ammettere mai la definitiva cristallizzazione, nel male o nel bene, di un paesaggio umano, sociale, storico, in un’unica immagine statica, che come tale, sarebbe un’immagine di morte, una sentenza, un epitaffio.
il concorso serve dunque a rigenerare culturalmente un’area atrofica, portando al suo interno i pensieri, le idee, le esplicazioni, i concetti, le parole e le immagini, di chi ha il coraggio di affrontare un luogo, ed una storia, tanto drammatici, rifiutandosi di considerare questa terra arsa per sempre.

rispetto a questa volontà-necessità di muovere lo spazio del vajont, dolomiti contemporanee intende portare twocalls ad una fase ulteriore, traverto la quale si continuerà ad alimentare la riflessione su questo paesaggio della crisi, sulla sua umanità, sul suo presente e futuro.

le opere indicate nel giudizio, saranno realizzate e premiate.
ma con questo non sarà esaurito il potenziale del progetto, che si vuole mantenere in vita, riprocessandolo.

il concorso stesso, nei 18 mesi del suo svolgimento, ha mostrato, ed accresciuto, il proprio senso, definendosi progressivamente, e creando una nuova immagine del vajont.
il concorso si è nutrito delle riflessioni, delle idee e delle forme dei 180 artisti che vi hanno partecipato, e di tutti quelli che vi hanno ragionato, lavorato, scritto.
l’immagine del concorso non è sintetizzata nelle due opere vincitrici, non coincide con esse sole, ma con l’intera massa dei processi di pensiero ed azione che al suo interno si sono sviluppati, e che costituiscono un testo, un libro stampato per immagini ed aperto, una geneaologia critica, un attivatore di processi interattivi, un laboratorio socio-culturale, un corpus gnoseologico e poietico al tempo stesso.

tra le riflessioni che in questi mesi si state intavolate, anche all’interno della giuria del concorso, alcune in particolare riguardano a call for a line.

alcuni progetti (dal pont, moras/nan, cagol, giannina, bazzana, ed anche pers, allegri, vendramel, hauser, come altri che hanno previsto l’impiego del video), presentano caratteristiche formali e processi d’idea interessanti, che sembrano però suggerire la possibilità di una presenza o allestimento temporanei, non permanenti -ed in alcuni casi performativi- sulla diga.

la riflessione intavolata a questo punto verte sulla possibilità che essi possano entrare in un programma di avvicendamenti d’opere sulla diga, ciò che consentirebbe di continuare a nutrire il cantiere di twocalls nei prossimi anni.
ciò sarà possibile, in primo luogo, se dolomiti contemporanee continuerà a lavorare in questo luogo.
l’idea di un festival di arte pubblica e performativa (la linea mobile), che continui ad avere la diga e l’area del vajont per cantiere, è quella che va prendendo corpo.
la manutenzione della diga (della sua identità: la manutenzione culturale), è più importante della definizione di un progetto-oggetto univoco.
la manutenzione è una pratica costante. il processo è più importante dell’opera.
la cultura è un processo continuo, d’apertura, e non un’asserzione definitiva.
il concorso stesso, come diciamo, è consistito in una piattaforma culturale di riflessione sul vajont e sul significato della prassi artistica e della public-art in questo contesto assolutamente peculiare.
questa riflessione, che si apre ora, verrà condivisa con tutti coloro che hanno partecipato al concorso, che, mentre ci si prepara a realizzare le opere votate, comincia dunque subito a ridefinire sé stesso, per rimanere vivo.

 

Condividi / ShareFacebookGoogle+Twitter

19/06/2017

On Monday, June the 19th 2017, Deborah Serracchiani, president of the Friuli Venezia Giulia Region, came here, in the Vajont area.

She first visited the dam, together with the mayors, the vice president Bolzonello, and the people in charge of the enel plant.

[continua a leggere]

09/06/2017

the nuovo spazio di casso will be open in July, from Thursday to Sunday, from 10 am to 12:30 pm and from 2:30 pm to 7:00 pm.

there, visitors will find an exhibit displaying a selection of the projects showcased in the international artistic contest twocalls for vajont.

[continua a leggere]

12/10/2016

On Satuday, October 15th, on the occasion of the 22nd Amaci Day of the Contemporary, the Nuovo Spazio Di Casso will remain open from 10 AM through 6:30 PM, with an exhibit of the projects which reached the Twocalls final.

[continua a leggere]